Draghi si mostra cauto sul quantitative easing

download (6)

La Banca centrale europea (Bce) guidata da Mario Draghi (nella foto) dovrà assistere a un peggioramento delle aspettative di inflazione di medio termine nei paesi dell'area dell'euro, prima di lanciare l'atteso programma di acquisto di titoli (il quantitative easing, Qe). Lo ha dichiarato esplicitamente Draghi, in un'intervista al quotidiano olandese "De Telegraaf", aggiungendo che il quantitative easing potrebbe comprendere acquisti di titoli di Stato e di prestiti del settore privato.
Nel frattempo, le misure sin qui annunciate a in parte già adottate dall'Eurotower nella sua ultima riunione "rivoluzionaria" non sembrano proprio essere servite a sgonfiare l'euro, la cui forza sulle altre valute crea non pochi problemi alle imprese nostrane che competono sui mercati internazionali. 
Così, sul forex, la moneta unica viaggia a un soffio da 1,36 sul biglietto verde (1,3595 il dato preciso sull'euro-dollaro nel tardo pomeriggio italiano) dopo che in giornata è giunto un dato migliore delle attese dal fronte macroeconomico americano. 
Si è trattato, in particolare, del Pmi manifatturiero per gli Stati Uniti, che è aumentato nel mese di giugno, rispetto a maggio, da 56,4 a 57,5 punti. E' il più alto livello dal maggio del 2010, senza contare che batte le attese, se si considera che gli economisti avevano messo in preventivo un calo a 56,1 punti.

Vota

Articoli Correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>