Inizia la settimana della Bce: taglierà o no i tassi?

download (3)

Quella che ha preso il via lunedì 3 febbraio è una settimana cruciale per i mercati monetari e delle valute. E', infatti, fissato per giovedì l'appuntamento con il meeting della Banca Centrale Europea (Bce) che sarà chiamata a decidere sui tassi di riferimento dell'area dell'euro, ora sui minimi storici dello 0,25 per cento.
Secondo esperti e addetti ai lavori, il livello di bassa inflazione di Eurolandia, che secondo numerosi osservatori potrebbe addirittura presto trasformarsi in deflazione, potrebbe incentivare i componenti del consiglio direttivo della Bce a promuovere qualche misura per sostenere l'economia e combattere il nuovo spettro del calo dei prezzi. Gli esperti di Ig, a riguardo, hanno fissato delle basse possibilità per un possibile taglio del costo del denaro di 15 punti base (da 0,25% a 0,10%) e per una decisione di portare i tassi sui depositi in negativo (da 0 a -0,10 per cento). Più probabile, sempre secondo Ig, l’introduzione di misure non convenzionali per aumentare la liquidità nel sistema, soprattutto verso imprese e famiglie, coloro cioè che sono state colpite dalla chiusura dei rubinetti da parte degli istituti di credito.
Gli economisti di Bank of America Merrill Lynch, in uno studio di oggi, da una parte hanno evidenziato che, proprio alla luce dei dati sull'inflazione, crescono le aspettative del mercato per un ulteriore taglio del costo del denaro da parte dell'Eurozona, ma dall'altra si sono detti scettici sulla possibilità che la sforbiciata possa avere luogo già questo giovedì.

Vota

Articoli Correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>