Fxcm: “Per Bce il Qe è soluzione più credibile”

images

I mercati finanziari e valutari sono tutti concentrati sulla giornata di venerdì. Giorno in cui sarà diffuso un documento congiunto della Banca centrale europea (Bce) di Mario Draghi e della Bank of England di Mark Carney (nella foto) in cui saranno messe nero su bianco le azioni da implementare per la revisione della normativa sugli Abs e la standardizzazione dei criteri, col fine chiaramente del rilancio del credito soprattutto nei confronti delle piccole e medie imprese (pmi)
"Noi – ribadisce Davide Marone, analista valutario DailyFX (Fxcm) – affermiamo da tempo che dal punto di vista di impatto sulle variabili economiche, fermo restando l’assunto per il quale la politica monetaria riesce a essere efficace nelle situazioni di squilibri momentanei e non per dirimere problematiche strutturali del quadro economico, il quantitative easing (Qe) sarebbe senz’altro la risposta più credibile ed efficace all’interno del contesto europeo, oltre che il veicolo per generare veri e propri indebolimenti del valore dell’euro". 
Ieri, fa ancora notare l'esperto di analisi tecnica, il tasso di cambio tra euro e dollaro ha rivisitato i minimi a 1,3615 per poi riposizionarsi nella fascia mediana dell'intervallo, in attesa di avere notizie sia sulle azioni congiunte di Bce e Boe, sia su quello che farà l'Eurotower di Draghi nell'ormai attesissima riunione del 5 giugno.

Vota

Articoli Correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>