Cmc Markets: euro-dollaro conferma impostazione rialzista

Nonostante il nuovo record storico fatto segnare dall’indice Dow Jones mantenga gli investitori in un’ottica rialzista, il dato deludente riguardante la bilancia commerciale cinese e i nuovi grattacapi provenienti dalla Slovenia (i cui debiti incagliati rappresentano ormai il 20% del Pil) potrebbero segnare un momento di pausa nel rally in corso. E’ questo il parere di Michael Hewson (Senior Market Analyst) e Tim Waterer (Senior Trader) di Cmc Markets, contenuto nella loro consueta nota valutaria.

Infatti, sostengono i due esperti, “con il salvataggio di Cipro ancora da approvare da parte del Parlamento e con previsioni di rimanere senza cassa entro fine mese, l’ultima cosa di cui l’Europa ha bisogno è un altro bail-out, specie considerando che gli effetti della crisi stanno iniziando ad erodere anche il potere d’acquisto dei contribuenti tedeschi (che rappresentano il motore europeo). E non si può nemmeno tralasciare di sottolineare che per sostenere la risalita degli indici azionari globali, è essenziale che la domanda cinese rimanga in buona salute”.

Sul fronte valutario, gli economisti di Cmc Markets fanno notare che “l’euro-dollaro sembra confermare l’impostazione tecnica rialzista e voler tornare sopra 1,3140 con possibilità di un ritorno a 1,3235. Scenario positivo anche per il cross sterlina-dollaro con potenziale rialzista fino a 1,5420 mentre la moneta unica deve superare 0,8520 nei confronti della sterlina per invertire la rotta. Sul cambio dollaro-yen – aggiungono gli esperti – il ritracciamento in corso potrebbe condurre fino a 94,40: la sfida qui è cercare di entrare nel punto di minimo per sfruttare una sicura ascesa del dollaro”.

Intanto, sul mercato dei cambi, nella mattinata del 10 aprile, il tasso di cambio euro-dollaro si è portato nei pressi di zona 1,31.

Vota