Deawm: “Il tapering della Fed condurrà a una rivalutazione costante del dollaro”

dollaro

Nell'ultima settimana, le Borse occidentali hanno mostrato di apprezzare la decisione della Federal Reserve (Fed) americana di avviare un "tapering", ossia uno stop agli stimonli monetari all'economia, graduale e leggero. Il Federal Open Market Committee (Fomc), in particolare, mercoledì ha deciso di ridimensionare in misura modesta i propri acquisti di Titoli di Stato e, contemporaneamente, di incoraggiare le previsioni secondo cui i tassi saranno mantenuti a zero.
Asoka Woehrmann, Co-Direttore investimenti di Deutsche Asset & Wealth Management (Deawm), commenta così le implicazioni di questa decisione per i mercati finanziari: "La Fed non sta correndo verso la via di uscita della sua politica monetaria, la quale è destinata a rimanere molto accomodante per un lungo periodo di tempo. Sulla base della nostra previsione di un rafforzamento dell'economia nel 2014 – prosegue Woehrmann – ci aspettiamo che la Fed ridimensionerà ulteriormente gli acquisti di titoli fino a portarli probabilmente a termine entro la seconda metà del prossimo anno. La Fed tuttavia non inizierà ad aumentare i tassi fino alla fine del 2015".
Ma che implicazioni avrà la decisione della banca centrale a stelle e strisce sull'andamento dei mercati valutari? "Non ci aspettiamo – dice Woehrmann – che la volatilità dei mercati valutari aumenti più di tanto. Ci aspettiamo una rivalutazione costante del dollaro Usa, in particolare rispetto allo yen e alla sterlina inglese".

Vota

Articoli Correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>