Draghi (Bce): “Politica monetaria per tutti, non per un solo paese”

download (1)

Il presidente della Banca centrale europea (Bce), Mario Draghi, getta acqua sul fuoco dopo il recente taglio del costo del denaro. So che la riduzione dei tassi operata recentemente dalla Bce "ha provocato preoccupazione" in alcuni ambienti, ha detto oggi all'incontro economico organizzato dalla Sueddeutsche Zeitung a Berlino, "ma abbiamo bisogno di una politica monetaria per 17 Stati, che è diversa da quella per un Paese solo".
Nell'Eurozona, ha poi tranquillizzato il numero uno dell'Eurotower, "non c'è un rischio deflazione e con la ripresa ci attendiamo che l'inflazione ritorni vicino al 2 per cento". Draghi ha inoltre sottolineato che il taglio dei tassi è stato effettuato "per ripristinare un margine di sicurezza". L'area euro "sta lentamente procedendo sulla strada della ripresa", anche se "resta debole, diseguale e fragile". Inoltre, ha messo in guardia il numero uno dell'Eurotower, nell'area euro la disoccupazione resta di gran lunga toppo alta.
Draghi ha infine fatto sapere che nelle discussioni in senso alla Bce "non ci sono novità" sull'ipotesi di portare a livelli negativi i tassi sui depositi custoditi per conto delle banche commerciali. In passato la Banca centrale europea ha più volte riferito di aver valutato questa opzione, che resta nel suo ventaglio di possibili interventi, ma ha anche sempre messo in rilievo le problematicità dovute ai possibili effetti collaterali e distorsivi di una misura simile.

Vota

Articoli Correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>