Merkel: “Euro-dollaro normale tra 1,30 e 1,40”

Angela_Merkel_(2008)

L’euro-dollaro tra 1,30 e 1,40? Non c’è nulla di male. A sostenerlo è stata Angela Merkel, cancelliera tedesca, il 20 febbraio, a Berlino, di fronte a una platea di economisti riuniti per il 50simo anniversario del Consiglio dei Cinque Saggi. “Corsi compresi tra 1,30 e 1,40 dollari sono nella normalità nella storia dell’euro. Noi, come Governo tedesco, siamo a favore di un libero andamento del corso di cambio dell’euro” e “non consideriamo fattibile una politica di cambio attiva”.

Il Governo tedesco, ha tra l’altro aggiunto Merkel, lavora perché anche tutti gli altri Governi si attengano a una politica di libera evoluzione della valuta unica sui mercati. A questo fine, la cancelliera tedesca ha definito “un segnale importante” il comunicato congiunto dei Ministri finanziari del G20 da Mosca, nel quale si auspica il libero movimento dei tassi di cambio, cercando così di fermare sul nascere qualsiasi dibattito sulla presunta “guerra delle valute” in corso tra le principali aree economiche mondiali.

Nel suo intervento, Merkel ha anche detto di capire i timori e le preoccupazioni dei Paesi dell’Europa meridionale che sono riusciti “con grandi sforzi ad abbassare i costi unitari del lavoro” seppure nel quadro di un regime di tassi di cambio fissi dell’euro.

Nel suo discorso, la cancelliera ha anche indirettamente criticato l’atteggiamento di Tokyo, senza mai nominare il Giappone: “Vediamo – ha detto – che ci sono a intervalli regolari dei tentativi di deprezzare la propria valuta, attraverso misure di politica monetaria, così da aumentare la capacità export”. Intanto, nel primo pomeriggio del 20 febbraio, il tasso di cambio euro-dollaro viaggia nei pressi di quota 1,337.

Vota