Rehn: “Ora non si parla più di rischio fallimento per l’Unione monetaria”

image

Il Belpaese, e in particolare l’ex governo Berlusconi, finiscono nel mirino dei vertici europei. Il caso Italia, ha dichiarato il 29 gennaio il commissario Ue Olli Rehn rievocando all’Europarlamento la crisi finanziaria e politica di fine 2011, dimostra l’importanza dell’”effetto fiducia” dei mercati sulla capacità di un paese di superare le difficoltà. “L’Italia aveva preso impegni di – ha proseguito Rehn – consolidamento di bilancio nell’estate 2011 per facilitare l’intervento della Banca centrale europea (Bce) nel mercato secondario per acquistare titoli di Stato: quando il governo dell’ex premier Silvio Berlusconi decise di non rispettare più gli impegni assunti il costo del finanziamento per lo Stato è aumentato, poi con la formazione del governo Monti la situazione si è stabilizzata. Questo – ha concluso – è un chiaro esempio di ‘fattore fiducia’”, che ha prodotto dei risultati positivi in termini di premio sul rischio.

“Un anno fa – ha aggiunto Rehn – eravamo seriamente preoccupati per la situazione di Italia e Spagna”. Rehn ha aggiunto che da un anno a questa parte nell’Eurozona sono state prese “decisioni coraggiose” e l’Europa ha dimostrato “capacità di reagire” alla crisi. Tanto che adesso non si parla più di rischio di fallimento dell’Unione monetaria.

Ciononostante, quanto fatto finora non è ancora sufficiente. “Il 2012 è stato un anno in cui sono state prese decisioni fondamentali per la riforma della zona euro”, sottolinea. Ma “vi sono ancora gravi problemi quali la crescita lenta e la disoccupazione elevata, e quindi non possiamo accontentarci di quello che abbiamo fatto”. Per questo, continua, “Dobbiamo riformare e ammodernare il nostro modello di economia sociale”.

Vota