Rotazione sui mercati finanziari da maneggiare con cautela

000002481097-mercato-azionario-finanza-affari-acquisti-300x181

La grande rotazione settoriale in atto sui mercati finanziari va trattata con cautela. A sostenerlo, in una nota diffusa il 6 febbraio, sono gli esperti di Forex di Jw Partners. “Come tutte le semplificazioni mediatiche – spiegano gli esperti di cambi – anche la grande rotazione va trattata con cautela. Il rischio che si riveli semplicemente una leggenda metropolitana c’è e va analizzato. In ogni caso qualche dato emerso di recente sembra indicare che il fenomeno non sia da sottovalutare: nella settimana conclusa il 30 gennaio i flussi di ingresso in fondi azionari sarebbero stati sei volte tanto rispetto a quelli in fondi obbligazionari”.

Non solo: gli economisti di Jw Partners evidenziano che “secondo TrimTabs Investment Research nel mese di gennaio sarebbero stati investiti 77,4 miliardi di dollari in fondi ed Etf azionari, nuovo record che supera il precedente 53,7 miliardi (febbraio 2000). Se poi vogliamo osservare – proseguono – oltre ai flussi sui mercati globali, anche la situazione di asset allocation da cui partiamo, possiamo notare, ad esempio, che i fondi pensione di Harvard e Yale hanno rispettivamente il 14% e 27% allocati ad investimenti azionari rispetto a una media storica del 60% oppure che il Gpif, il fondo pensione pubblico giapponese (il più grande al mondo, ndr) dichiara di avere solo il 23% in azionario e il 73% in bond”. Insomma, “anche la price action delle ultime settimane sembra confermare una rotazione in atto: mercati azionari in salita insieme alle curve dei tassi che nei mercati core segnalano una prima seria inversione di trend da molti mesi a questa parte”. Con queste premesse, secondo gli esperti valutari di Jw Partners, “le probabili correzioni cui andremo incontro sui mercati azionari saranno probabilmente limitate. Più preoccupante può essere invece quello che potrebbe succedere sui mercati obbligazionari se questa rotazione dovesse continuare. Specialmente nei segmenti corporate ed emerging markets che tanto di moda sono andati negli ultimi mesi”.

Per quel che invece riguarda specificamente l’euro-dollaro, da Jw Partners fanno sapere che “l’estensione di venerdì a seguito della dichiarazione da parte del fondo sovrano cinese che è un buon momento per investire in Europa ha sicuramente accelerato una capitolazione di alcune posizioni corte. A chi fosse riuscito ad alleggerire il lungo sopra 1,36, consigliamo di ricomprare in area 1,35 o eventualmente di darsi una possibilità di rivedere 1,34 prima della riunione della Banca centrale europea di giovedì. Al momento solo una discesa sotto 1,325 metterebbe in discussione la nostra visione rialzista”.

Vota