Barclays vede l’euro-dollaro giù e l’azionario su

download

Manca pochissimo ormai: a breve si scopriranno non solo le decisioni della Banca centrale europea (Bce) guidata da Mario Draghi sui tassi di interesse ma anche le misure cosiddette "non convenzionali" che l'authority monetaria potrebbe annunciare per contrastare la deflazione e risollevare le sorti di un'economia di Eurolandia che, Germania a parte, arranca.
Per quel che riguarda la decisione sui tassi, gli esperti di mercato sembrano concordare sul fatto che il Refi sarà tagliato dall'attuale 0,25% allo 0,10%, nuovo minimo storico, mentre il tasso sui depositi passerà addirittura in territorio negativo, dallo 0% al -0,10 per cento. E' proprio questa la mossa che si attendono, tra gli altri, in un report di oggi, anche gli economisti di Barclays.
Che ritengono, inoltre, che l'euro possa indebolirsi ulteriormente sui mercati valutari "dato l'effetto indiretto dei tassi negativi sui flussi di capitale verso l'esterno e gli arbitraggi sui differenziali dei cambi". Di più: "Se l'azione della Bce – aggiungono da Barclays – riuscirà nell'intento di sollevare le aspettative legate all'inflazione, allora la moneta unica europea potrebbe indebolirsi come reazione alla discesa dei tassi reali".
In particolare, gli economisti di Barclays, dopo le decisione odierne dell'Eurotower, si aspettano un movimento al ribasso del tasso di cambio tra euro e dollaro e un rally del mercato azionario.

Vota

Articoli Correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>