Jp Morgan Private Bank vede l’euro-dollaro a 1,35

download

Non c'è nulla da fare: nel mondo finanziario, in questi giorni, i riflettori degli esperti di mercato e degli addetti ai lavori sono tutti inevitabilmente rivolti verso il 5 giugno, quando la Banca centrale europea (Bce) di Mario Draghi si riunirà per decidere sui tassi di interesse. La cosa diversa rispetto alle ultime riunioni della Bce è che adesso la maggior parte degli economisti si aspetta una bella sforbiciata al costo del denaro in Eurolandia.
"Dal momento che Draghi ha comunicato al mercato la possibilità di una politica più flessibile – afferma nell'ultimo report sul forex Sara Yates, Vice President – Global Fx Strategist di Jp Morgan Private Bank – il mercato ha iniziato a prezzare in modo che il tasso refi sia crollato da 22 punti base a 17. Visto che i tassi di interesse sono importanti per le valute, questo crollo ha contribuito a trascinare l’euro al ribasso. Questo indica che la Bce dovrà fare di più che tagliare solamente il tasso refi a circa 15 punti base (come molti opinionisti di mercato si aspettano) se l’euro dovesse andare sotto pressione ulteriormente. Questo “di più”, a nostro avviso – prosegue Yates – si tradurrà in un linguaggio “dovish” e in un taglio del tasso di deposito. Se così sarà, pensiamo che il cambio euro-dollaro si attesterà intorno a 1,35".
A metà del pomeriggio italiano del 20 maggio, intanto, il cross tra la moneta unica e il biglietto verde si posiziona a 1,37, al di sopra della soglia individuata dall'esperta di Jp Morgan Private Bank. "A nostro parere – aggiunge Yates – il cambio euro-dollaro difficilmente scenderà molto al di sotto di 1,35 a meno che la Bce non agisca per invertire in modo deciso la riduzione del suo bilancio e/o i rendimenti dei titoli statunitensi a dieci anni sfondino quota 3 per cento".

Vota

Articoli Correlati:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>