Yellen (Fed) fa la colomba ma la Borsa crolla

La neo governatrice della Federal Reserve (Fed) Janet Yellen (nella foto) conferma la propria attenzione all'andamento dell'economia americana piuttosto che all'inflazione, cosa che la spingerebbe ad avviare al più presto il ciclo di innalzamento dei tassi di interesse. E così, nell'udienza che si è tenuta oggi davanti alla commissione congiunta del Congresso, ha tranquillizzato che la politica monetaria a stelle e strisce resterà accomodante e che l'allentamento monetario sarà garantito. 
"Alla luce del considerevole grado di debolezza che permane sul mercato del lavoro e dell'inflazione che continua a rimanere sotto l'obiettivo della Fed al 2%, è assicurato un alto grado di accomodamento monetario", ha dichiarato Yellen, che da gennaio ha sostituito Ben Bernanke alla guida dell'authority.
Il tapering, ossia lo stop all'acquisto di titoli che è servito negli ultimi a inondare i mercati di liquidità, proseguirà "a meno di significative battute d'arresto. Finché vedremo miglioramenti dell'economia – ha aggiunto Yellen – prevediamo di continuare con la riduzione degli acquisti a passi misurati".
Le Borse hanno reagito male alle parole della numero uno della Fed. Basti pensare che a Piazza Affari l'indice di riferimento Ftse Mib è affondato dell'1,31%, mentre il tasso di cambio tra euro e dollaro viaggia a 1,3923.

Vota

Articoli Correlati:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*