Boe, rivoluzione Carney. Arriva la guidance sui tassi di interesse

Alla Bank of England (Boe) arriva la rivoluzione di Mark Carney (nella foto). Il neo governatore della banca centrale britannica, che si è insediato da appena un mese sostituendo Mervyn King, ha infatti da subito introdotto grandi cambiamenti. Le novità, che si inseriscono all’interno del solco già tracciato dalla Federal Reserve (Fed) statunitense, riguardano in primo luogo l’indicazione della guidance sui tassi di interesse e l’obiettivo di disoccupazione da raggiungere prima di modificare il costo del denaro. Secondo gli esperti di mercato, per ora la strategia monetaria dell’istituto monetario britannico non dovrebbe cambiare e il principale driver per eventuali nuove immissioni di liquidità dipenderanno principalmente dall’andamento del tasso di inflazione.
La Boe, in particolare, il 7 agosto, ha fatto sapere che intende lasciare i tassi al minimo storico dello 0,5%, livello a cui sono fermi dal 2009, almeno fino a quando la disoccupazione non scenderà sotto il 7 per cento. E dunque non ora, se si considera che il tasso di senza lavoro è al 7,8 per cento. Secondo le previsioni contenute nell’inflation report della Boe diramato proprio il 7 agosto, ciò non dovrebbe verificarsi prima del terzo trimestre del 2016.  “La disoccupazione non è un obiettivo – ha dichiarato il neo governatore Carney – ma è un buon indicatore sintetico per capire quando potranno essere tolte le misure di stimolo monetario”.
Nel frattempo, dopo il documento pubblicato la mattina del 7 agosto dalla Bank of England, gli esperti di forex e trading online sottolineano che “sembrano rientrare i movimenti sulla sterlina, che lo stesso giorno si è portata ai nuovi massimi intraday sia verso euro sia verso dollaro, mentre l’indice azionario britannico Ftse 100, dopo la fiammata rialzista, ha invertito rotta aggiornando addirittura i minimi dal 17 luglio scorso a quota 6.520 punti”.

Vota

Articoli Correlati: