E sui mercati valutari arriva la settimana meno liquida dell’estate

Attenzione, perché gli esperti di trading online mettono in guardia che quella che ha preso il via lunedì 12 agosto sarà la settimana meno liquida dell’estate sui mercati finanziari e valutari. Ciò significa che vanno delineandosi due possibilità: o assenza di movimenti, con strumenti finanziari all’interno di pochi punti di range; oppure, secondo scenario, aumenti potenziali di volatilità, che spesso possono risultare improvvisi e con salti di prezzo, con tutte le conseguenze che questa cosa può comportare.
Guardando in particolare ai movimenti del dollaro, Matteo Paganini, chief analyst di DailyFx, spiega che "di fronte a queste condizioni, è necessaria una quantità inferiore di denaro per far compiere movimenti di prezzo che solitamente si vedrebbero di fronte a una situazione normale di liquidità, il che sta a significare che se la quantità di denaro immessa in una o più operazioni fosse pari a quella che servirebbe per far muovere il mercato di x punti in condizioni di mercato normali, i prezzi si muoverebbero molto di più. E questo – prosegue Paganini – potrebbe impattare sull'andamento del dollaro americano, al rialzo o al ribasso, che, ora come ora, si trova ancora in posizione di debolezza nei confronti delle altre major".
Guardando invece allo yen, l'esperto di DailyFx spiega che la valuta nipponica rimane correlata "all’andamento delle borse giapponesi, mentre sterlina e dollaro australiano sono state mosse dal mix di vendita di dollaro americano e di acquisto di tali divise, in seguito alle comunicazioni di politica monetaria che abbiamo ricevuto".
Secondo Paganini, "adesso che le politiche monetarie sono state indirizzate in maniera abbastanza chiara, con l'unica eccezione dell'area dell'euro, i dati macroeconomici potrebbero risultare dei buoni market mover, in grado di spingere valute e borse dei Paesi interessati dalla stessa parte, andando a salire di fronte a release positive e a scendere in caso contrario".

Vota

Articoli Correlati: