Il mercato ormai colloca il tapering della Fed nel 2014

Il tema della settimana è l'euro. L'analista ed esperto del DailyFx.it/Fxcm, Matteo Paganini, non ha dubbi. La valuta unica, infatti, come evidenzia Paganini, è stata "forte come ci attendevamo". La decisione della Banca centrale europea (Bce) guidata da Mario Draghi di non procedere a un taglio dei tassi sui depositi (rimasti allo 0%) "e lo stucchevole vizio di evitare di fornire risposte mirate su temi importanti di politica monetaria", a detta dell'esperto di Fxcm "ha impattato sulla quotazione della moneta unica", salita nuovamente oltre 1,36 contro il dollaro americano. 
Salita proseguita dopo la pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro americani, che hanno mostrato per il secondo mese di fila la creazione di circa 200mila nuovi posti di lavoro (se ne attendevano 180mila), con la disoccupazione scesa al 7 per cento. "Inizialmente – osserva Paganini – il dollaro americano ha tentato delle salite contro le maggiori valute mondiali e le borse americane hanno abbozzato una discesa, in linea con le aspettative tapering-oriented", vale a dire di chi si aspetta lo stop della Federal Reserve (Fed, nella foto) all'immissione di liquidità sul mercato. 
Gli investitori, aggiunge l'analista di Fxcm, hanno acquistato la divisa americana e hanno venduto le Borse "in quanto la diminuzione della disoccupazione ha fatto pensare che la riduzione degli acquisti di asset al fine di sostenere l'economia potesse avvenire nel mese di dicembre, fattore che porterebbe ad avere meno liquidità sui mercati e che quindi potrebbe portare a discese delle Borse sulle quali si è cercato di entrare da subito". 
Dopo poco tempo, però, conclude Paganini, "la situazione si è completamente girata, mostrando il dollaro tornare a scendere contro tutto (tranne che contro lo yen giapponese che rimane venduto e rispetto a quanto visto settimana scorsa ha toccato nuovi minimi) e le Borse salire, a testimonianza del fatto che ora la maggior parte degli investitori si sta schierando dalla nostra parte, ossia a favore di chi vede il tapering rimandato al 2014".

Vota

Articoli Correlati:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*