Il cross euro-dollaro risale a quota 1,36

Sui mercati valutari, riprende quota il dollaro. E lo fa soprattutto verso l'euro, con addetti ai lavori e trader online che oggi hanno visto il cross tra biglietto verde e valuta unica muoversi intorno a quota 1,36. A spingere al rialzo il dollaro, osservano esperti ed economisti, alcuni dati macroeconomici giunti in giornata e migliori delle attese. L’indice manifatturiero della Fed di New York, ad esempio, ha toccato i livelli che non vedeva da maggio 2012, mentre l’indice dei prezzi alla produzione è cresciuto per il secondo mese consecutivo. 
Nei giorni scorsi, a catturare l'attenzione degli osservatori attenti ai movimenti dele valute sono stati i commenti del banchiere centrale austriaco e consigliere della Banca centrale europea (Bce), Ewald Nowotny (nella foto), secondo cui potrebbero sorprendere al rialzo i dati di quest'anno sulla crescita economica della zona euro. Tale posizione appare comunque poco in sintonia con quella del numero uno della Bce, Mario Draghi, che soltanto la settimana scorsa ha sottolineato i timori dell'Eurotower proprio sulle prospettive di crescita.
E' chiaro che a seconda di quale dei due approcci prevalga si prevedono prospettive molto diverse per l'andamento dell'euro sui mercati delle valute. In linea teorica, infatti, le parole di Nowotny dovrebbero fare scattare acquisti della moneta unica sui mercati dei cambi. Viceversa, lo scenario prospettato da Draghi aprirebbe spazio a un indebolimento dell'euro.

Vota

Articoli Correlati:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*